La gestione dei finanziamenti europei

Print Friendly, PDF & Email

Finalità
Il futuro della scuola si fonda sulla capacità del suo personale di progettare e gestire sistemi complessi. In una situazione di sempre maggiore competitività tra le varie offerte formative e di progressiva riduzione dei fondi “a pioggia”, l’unica fonte di approvvigionamento delle risorse necessarie per la realizzazione di interventi qualificanti e sostenibili sono i progetti.
Tale scenario pone le scuole di fronte ad una duplice esigenze: da un lato, quella di innovare la propria offerta in modo che essa risulti al passo con i tempi ed in linea con i più elevati standard europei, dall’altro, quella di reperire risorse finanziarie adeguate a sostenere le iniziative da mettere in campo.
Per fare ciò è necessaria un’adeguata conoscenza delle opportunità offerte dai fondi europei, sia per quanto riguarda i fondi SIE che i programmi europei di interesse.
La capacità richiesta alle scuole riguarda l’individuazione e l’acquisizione e la gestione di un adeguato mix di risorse in grado di sostenere, nel medio-lungo periodo, la strategia delineata nel PTOF.
Un progetto di qualità è complesso da scrivere e necessita dell’acquisizione di particolari competenze. Soprattutto se la fonte di finanziamento è a livello europeo, non si può prescindere da una riflessione profonda sui fabbisogni e sugli obiettivi da raggiungere, sull’impatto di medio e lungo periodo a livello di sistema-scuola, sulla produzione di documenti di programmazione e monitoraggio puntuali, di risultati tangibili e misurabili.
Inoltre, anche laddove il partenariato internazionale non dovesse essere necessario (come nei progetti regionali e ministeriali o finanziati con fondi privati/crowdfunding), co-progettare, fare rete e coinvolgere gli stakeholder resta un elemento imprescindibile. Il mondo della scuola deve farsi attore proattivo in un sistema socioeconomico in continua evoluzione, pena il rischio di perdere competitività e appeal.

Obiettivi
Il presente progetto intende offrire al personale docente che si trova a fronteggiare le nuove sfide poste dall’Europa le competenze necessarie a:
• comprendere il processo di cambiamento in atto, analizzando le norme di riferimento;
• conoscere le diverse fonti di finanziamento e le tipologie di interventi finanziati da ciascuna ed applicare le tecniche di ricerca di tali opportunità;
• analizzare bandi ed avvisi in lingua italiana ed inglese e sviluppare proposte progettuali in linea con le specifiche degli stessi;
• costruire partenariati e sviluppare reti di relazioni di lungo periodo con il sistema economico del territorio e con partner transnazionali;
• gestire e monitorare le attività di progetto;
• sviluppare una rendicontazione delle attività svolte in linea con gli standard richiesti.

Metodologia
L’intervento formativo è concepito come “formazione in servizio” tenendo conto che si tratta di operatori impegnati anche nell’attività lavorativa.
La formazione si svilupperà, dunque, secondo i seguenti assunti di riferimento:
• essa si rivolge ad operatori impegnati contemporaneamente tanto in un percorso formativo professionalizzante quanto nella stessa attività lavorativa;
• è centrata sull’esperienza lavorativa dei partecipanti ai quali offre occasioni per migliorare le proprie competenze e, quindi, la qualità dell’esperienza stessa.

Il percorso formativo presenta un carattere fortemente operativo ed un approccio di tipo laboratoriale. La metodologia didattica adottata sarà quella del project work .
Tale metodologia, infatti, consente di sviluppare nei partecipanti la capacità di proporre soluzioni innovative in linea con le evoluzioni ed i cambiamenti in atto nel contesto di riferimento, senza attendere che la trasformazione sia pienamente compiuta.

Programma dei lavori
Il corso si articola in 7 giornate, ciascuna di 3 ore, in presenza, per complessive 21 ore di formazione,

I giornata – Introduzione ai fondi europei
• I fondi SIE e le opportunità per le scuole
– Il Fondo Sociale Europeo
– Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale
– Cenni agli altri fondi (FEASR, FEAMP, FC)
– I soggetti proposti alla gestione dei fondi SIE
– Il PON MIUR 2014-2020
– IL POR 2014-2020 e le risorse di interesse delle scuole
• I programmi a gestione diretta
– Erasmus +

II giornata: La redazione di un progetto PON/POR
• La costruzione del partenariato
• La compilazione dei formulario
• la costruzione del budget
• Project work

III giornata: Le fasi del ciclo di vita dei progetti europei: la gestione e il controllo
• Monitoraggio procedurale, fisico e finanziario dei progetti
• Avanzamento dei progetti e piste di controllo
• La rendicontazione dei progetti

IV giornata: Gare e appalti
• La normativa di riferimento
• Le procedure di gara
• La costruzione del bando e l’indizione della gara
• La valutazione delle proposte
• La stipula del contratto

V giornata: I programmi a gestione diretta
• Introduzione all’europrogettazione
– Il project cycle management ed il logical framework
• La programmazione di Europa 2020
• Erasmus +
– La KA 1 di Erasmus Plus – la mobilità dello staff della scuola e degli studenti degli istituti professionali e tecnici (VET)
– La KA 2 di Erasmus Plus: i partenariati strategici
• La progettazione di un Erasmus +
– La costruzione del partenariato
– La compilazione dei formulario
– la costruzione del budget
• Project work

VI giornata: La gestione ed il controllo di un progetto Erasmus + La tenuta della documentazione
• Monitoraggio dei progetti
– Monitoraggio procedurale
– Monitoraggio fisico
– Monitoraggio finanziario
• Rendicontazione

VII giornata: Fondamenti di project management
• Il project management come sistema gestionale integrato
– Definizione di attività, progetti e programmi
-Il ciclo di vita del “progetto” ed i process group
• Gli strumenti del Project Management
– La pianificazione e gestione delle attività: Ambito, Risorse, Tempi, Costi e
comunicazione
– La gestione dei tempi (WBS, GANTT, OBS)
– Le tecniche di stima di tempi e risorse
– Le tecniche reticolari (PERT; CMP)
– La gestione dei costi (stima e destinazione, controllo del budget)
– Il monitoraggio e il controllo delle attività (gli aggiornamenti e le consuntivazioni)
– I sistemi di rilevazione degli avanzamenti
– Previsioni a finire e analisi degli scostamenti
– La risoluzione dei conflitti di risorse

Destinatari
Destinatari delle attività formative sono i docenti ed amministrativi delle istituzioni scolastiche. Il corso è particolarmente indicato per le funzioni strumentali area 1 (POF-PTOF) e 4 (rapporti con il territorio e le istituzioni) e per il personale tecnico- amministrativo

Periodo e sede di svolgimento
Anno accademico 2018/2019  Villa Campolieto – Corso Resina 283 Ercolano (NA)

Competenze attese
• Analisi e selezione di bandi ed avvisi pubblici di interesse dell’Istituto
• Redazione di progetti da presentare a finanziamento a valere su fondi europei
• Costruzione di partenariati
• Gestione di progetti finanziati da fondi europei
• Monitoraggio fisico, gestionale ed amministrativo di progetti finanziati a valere su fondi europei
• Rendicontazione di progetti finanziati a valere su fondi europei

Costi
Il costo per la partecipazione al percorso formativo è di euro 200 (euro duecento) a partecipante, IVA inclusa.
Il corso sarà attivato per un numero minimo di 10 iscritti, il numero massimo di iscritti per ciascuna edizione è di 40.