Laboratorio di formazione e sperimentazione per lo sviluppo locale

Print Friendly, PDF & Email

laboratorio-partner

Periodo: febbraio-dicembre 2001
La costituzione di un Laboratorio di formazione e sperimentazione per lo sviluppo locale, promossa da Sviluppo Italia nell’ambito del QCS  Obiettivo 1 1994/1999, P.O. “Industria, artigianato e servizi alle imprese” – Misura 1.4 FSE, ha avuto le seguenti finalità:
-avviare il confronto sistematico tra le esperienze di sviluppo del territorio promosse dai soggetti locali, attivando meccanismi di autopromozione e di responsabilizzazione degli enti interessati, che sono diventati, in tal senso, partners dell’iniziativa;
– promuovere, attraverso azioni mirate di informazione e consulenza per progetti, una più adeguata strumentazione culturale sulle tematiche dello sviluppo e della creazione d’impresa presso le pubbliche amministrazioni locali e gli altri soggetti impegnati nelle politiche del territorio;
– organizzare una comunità professionale di operatori dello sviluppo che contribuisca, anche attraverso un percorso formativo, a definire standard tecnici ed etici della professione.

laboratorio sviluppo localeIl Laboratorio ha visto la partecipazione di tre tipologie di operatori:
– 10 coordinatori delle iniziative di sviluppo locale selezionate;
– 30 operatori senior, funzionari di amministrazioni locali, soggetti istituzionali e associativi, con ruoli e responsabilità definite nei progetti di sviluppo territoriale ammessi;
– 20 operatori junior, neolaureati, residenti nei territori dell’obiettivo 1, da avviare alla funzione di operatori dello sviluppo, selezionati dai soggetti ammessi al Laboratorio secondo modalità e criteri autonomamente definiti, in grado di sostenere ed implementare l’evoluzione dei programmi promossi.

L’offerta formativa prevista dal Laboratorio si è modellata e si sviluppata a partire dalla stessa domanda territoriale, ossia dalle richieste dei soggetti locali ammessi a partecipare al Laboratorio.

In totale il programma, che si è sviluppato nell’arco temporale Febbraio – Novembre 2001 ha previsto 720 ore di attività, articolate in tre fasi:
– ricerca;
– formazione;
– patrimonializzazione delle esperienze.

Nell’ambito delle attività di ricerca, sono state analizzate le esperienze di sviluppo e le singole realtà territoriali.
Obiettivi della formazione sono stati la qualificazione del personale dei soggetti locali coinvolti, la formazione dei giovani operatori esperti di sviluppo.
La razionalizzazione delle esperienze ha portato alla elaborazione di modelli di crescita e sviluppo del territorio, e alla definizione degli standard della professione.
La metodologia prescelta ha accostato ad attività di studio, sessioni d’aula ed esperienze sul campo. Gli operatori hanno partecipato alle tre fasi del progetto secondo percorsi differenziati di apprendimento, che hanno previsto comunque momenti comuni di analisi e confronto.
In particolare sono state realizzate le seguenti attività:
– formazione di base sullo sviluppo locale e sulla cultura d’impresa;
– soggiorni studio in Italia e/o all’estero sulle esperienze/progetti di sviluppo;
– attività di ricerca e analisi della realtà locale e di progettazione strategica applicata;
– approfondimenti tematici sullo sviluppo locale;
– confronti con realtà operanti a livello nazionale ed europeo;
– esperienze concrete di intervento e progettazione (project work) nelle singole realtà territoriali;
– seminari e testimonianze per l’analisi e la verifica di metodologie e strumenti;
– attività di progettazione esecutiva e sviluppo di interventi sul territorio.