Master in Organizzazione dei sistemi informativi (MOSI)

Print Friendly, PDF & Email

Periodo: apr.- nov.2004

L’obiettivo del master MOSI è stato di formare professionalità innovative in grado di occupare diverse posizioni manageriali nell’ambito della gestione, progettazione, implementazione e coordinamento dei sistemi di Information and Communication Technology nelle organizzazioni complesse.
Si tratta quindi di trasferire ai partecipanti competenze trasversali, ma anche specialistiche, costruite nell’integrazione tra saperi teorici e pratici.
L’acquisizione di competenze linguistiche, informatiche e tecnologiche innovative è, infatti, necessità formativa sottolineata come strategica per occupare posizioni organizzative di crescente responsabilità in imprese ad alta intensità di conoscenza.
Direttamente collegata a tali competenze è anche l’esigenza di formazione manageriale, avvertita in misura particolare per quanto riguarda il training di risorse umane neolaureate o con limitata esperienza professionale.

Profilo professionale

Il profilo professionale di riferimento è quello dell’Information Systems Manager dotato di skill manageriali e conoscenze tecniche ed operative necessarie per:
– coordinare progetti di innovazione e implementazione di sistemi informativi all’interno di contesti organizzativi
– definire nel contesto organizzativo ed in rapporto a relazioni formali e consolidate il ruolo dei sistemi ICT
– valutare il loro ruolo in relazione alle scelte strategiche
– valutare il ruolo dei sistemi ICT in relazione alla gestione delle risorse umane
– valutare l’impatto delle infrastrutture tecnologiche sull’assetto organizzativo e culturale e valutare le tecnologie più adatte per lo sviluppo strategico ed organizzativo
– acquisire, trattare e creare conoscenza qualificata per l’organizzazione attraverso i sistemi informativi

Sbocchi professionali
Le figure professionali possono collocarsi con diversi ruoli sia all’interno delle organizzazioni che sviluppano e implementano sistemi informativi computer based sia all’interno di imprese private o aziende della pubblica amministrazione che adottano nuove tecnologie per il miglioramento dei propri processi organizzativi e dei propri prodotti e servizi. Possono essere utilmente inserite in diverse aree aziendali (area servizi, area business development, Periodo:area gestione risorse umane ed analisi organizzativa, area consulting). L’inserimento professionale è facilitato dalla difficoltà di reperire tale figura per quelle imprese di medie dimensioni che intendono da un lato evolvere da politiche di outsourcing dei sistemi informativi verso l’internalizzazione della funzione, dall’altro competere in contesti knowledge based. Quest’ultima tipologia di azienda costituisce la grande maggioranza delle imprese del settore ICT presenti in Campania.

Moduli didattici
Il master MOSI si articola in 11 moduli didattici:
– Il settore dell’ICT
– Le nuove forme organizzative
– Sistemi Informativi e Data Management – Infrastructure Management
– Sviluppo dei Knowledge Workers
– Knowledge Management
– Tecniche economiche aziendali
– Quadro normativo e regolamentazione dell’ICT
– Marketing
– Strategie e Business Intelligence
– Progetto Integrato

A supporto delle attività d’aula sono state realizzate delle visite di studio presso imprese del settore.

A conclusione del percorso formativo gli allievi sono stati ospitati in stage presso aziende ICT e aziende tradizionali che stanno implementando sistemi informativi.

Partner del progetto:
– Polo delle Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Napoli Federico II (proponente)
– Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università degli Studi di Napoli Federico II (co-attuatore)
– Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali dell’Università degli Studi di Salerno
– Università Cattolica – CeTIF (Centro di Tecnologie Informatiche e Finanziarie)

Il Master MOSI è stato finanziata dal MIUR nell’ambito del PON per le Regioni dell’Obiettivo 1 – Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione 2000-2006 – Avviso n. 4391/2001. I destinatari sono stati giovani laureati inoccupati e residenti nelle aree dell’Obiettivo 1. Sono attribuite 13 borse di studio.